Where professionality and tecnology meet!

   

Gli utilizzatori di Windows sono abituati a cancellare i propri file semplicemente spostandoli o inviandoli al cestino. Tutti sanno che, fino a quando il cestino non viene svuotato, è possibile recuperare il file semplicemente cliccando sulla voce "ripristina elementi" presente nel cestino o dal menu contestuale (menu visibile cliccando col tasto destro del mouse). Non tutti sanno però, che anche quando il cestino viene svuotato è possibile recuperare i file cancelati. Questo principio è valido sia per l' Hard Disk del computer, sia per le chiavette usb e per le schede di memoria esterna che usiamo nelle macchine fotografiche e nei nostri smartphone. Il segreto per poter recuperare i file, anche dopo una formattazione, sta tutta nella tempestività con cui interveniamo. Infatti, se tentiamo il recupero immediatamente, cioè senza che sul supporto dove avevamo i file cancellati venga effettuata alcuna operazione di scrittura, la possibilità di recupere i file cancellati è molto alta.

Per fare questo lavoro è necessario l'utilizzo di software di terze parti. In rete ed in commercio ce ne sono tantissimi, anche di gratuiti. Vi ricordo che, esistono anche aziende specializzate nel campo del recupero dati che, a fronte di un costo, recupera i dati dai vostri dispositivi. Spesso però l'impresa non vale la spesa e quindi non resta che tentare con uno dei software gratuiti disponibili in rete.

L'utilizzo di tali software non è proibitivo, sono infatti abbastanza semplici da usare ma necessitano comunque di un minimo di conoscenza del computer che va leggermente al di sopra dell'utilizzo dei social network.

Tra i software migliori per il recupero dati, segnalo "Recuva". Una valida alternativa potrebbe essere la funzione presente nel software "Glary Utility". Semplicissima da usare, ma meno efficace di Recuva.

Il funzionamento di "Recuva" è abbastanza intuitivo e basta leggere le informazioni a video:

  1. lanciato il programma, vi verrà chiesto che tipo di file volete recuperare (immagini, documenti ecc..)

  2. posizione dove era salvato il file (cestino, card multimediale, cartella documenti, hard disk ecc..)

  3. avvio scansione.

Una volta avviata la scansione, non vi resta che attendere l'esito (anche diverse ore se avete attivato la scansione approfondita e se il supporto da scansionare è di grandi dimensioni). Una volta terminata la scansione, recuva di darà una seria di risultati contraddistinti da colori. Il colore Verde significa che il file è in ottime condizioni e che quindi potrà essere recuperato, mentre il colore Rosso indica l'impossibilità di recuperare il file.

  1. Sempre seguendo le istruzioni a video, potete procedere al recupero dei file.

Vi ricordo che, questa operazione, non sempre va a buon fine (come detto prima dipende dall'uso che avete fatto del supporto durante il lasso di tempo che va dalla cancellazione al momento del tentativo di recupero) e che per una migliore riuscita è necessario avere delle buone conoscenze del computer per poter sfruttare opzioni avanzate di "Recuva". Per informazioni non esitate a contattarmi.

   
© Michele Porfido

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni